5 per Mille : Prodi ci riprova a tagliare.

E´ di nuovo allarme tra le organizzazioni di volontariato. Una  proposta di modifica presentata in Senato, firmata dal governo, stabilisce che il contributo del 5 per mille che i cittadini possono destinare alle associazioni no-profit non potrà superare, complessivamente un «massimo di 100 milioni di euro per l´anno 2009». Lo scorso anno 16 milioni di contribuenti, avevano fatto arrivare  circa 330 milioni di euro al volontariato, il che significa che, con la modifica che il governo si appresta a compiere, quest´anno ne verrebbero a mancare 230 che andrebbero nelle tasche dello stato. Il fatto sconcertante è, però, rappresentato dalla denuncia giornalistica fatta, qualche giorno fa, da una piccola emittente televisiva romana. Questa ha rivelato una  strana situazione che potrebbe spiegare l´esigenza governativa di limitare la libera volontà dei cittadini di finanziare gli enti no-profit che preferiscono. Documenti alla mano i giornalisti di Roma Uno TV hanno mostrato come una fondazione ben nota come l´Istituto Gramsci (storicamente legato all´ex PCI) abbia ottenuto con il 5 per mille solo 2500 euro, mentre una leggina-delega  speciale avrebbe consentito di  assegnare , direttamente dal governo, ben 250 mila. Altro beneficiario è l´Istituto Sturzo (legato all´ex DC), con 200 mila euro e,  a  una certa distanza (100 mila), una fondazione presieduta da Gianni Alemanno. Più una miriade di altri soggetti, più o meno sconosciuti il cui legame con i partiti politici appare più o meno evidente. Insomma, i politici italiani non possono proprio sopportare che siano i cittadini a scegliere chi meglio svolga la sua funzione sociale e culturale: organizzazioni obsolete, sconosciute, inutili o che, forse,sono messe in piedi per raggranellare il finanziamento pubblico, ottengono di più di coloro che, per le loro attività, hanno ricevuto la fiducia diretta del cittadino contribuente.

 


 

 BACK |  HOME VOLONTARIATO | HOME OIKOS | HOME INFORMAGIOVANI

 
 

   Copyright © 2000 Associazione Oikos